Consigli pratici per una presenza efficace su LinkedIn

Post LinkedIn

Consigli pratici per una presenza efficace su LinkedIn

LinkedIn rappresenta, ormai da anni, il social network professionale per eccellenza. Potremmo definirlo una vera e propria vetrina di aziende e professionisti che si caratterizza per la serietà e istituzionalità dei contenuti.

Attualmente possiamo considerarla come la più importante piattaforma social dove dare visibilità al nostro profilo professionale e/o alla nostra azienda. Ma come si fa a creare un profilo LinkedIn che possa essere facilmente trovato anche dai recruiter?

Creare un profilo LinkedIn

Creare un profilo LinkedIn personale non significa fare un “copia-incolla” del proprio curriculum che va aggiornato e realizzato coerentemente con tutte le informazioni che vengono richieste da LinkedIn attraverso i campi specifici di ciascuna sezione.

Prima di tutto la fotografia che deve essere sempre presente e soprattutto deve rappresentare l’immagine professionale che desideriamo trasmettere a colleghi e clienti. La nostra fotografia potrà essere in bianco e nero oppure (preferibilmente) a colori, assolutamente professionale e, potremmo dire, più o meno “creativa” in relazione al lavoro che svolgiamo, evitando elementi come occhiali da sole o cappelli in testa  che non lasciano vedere chiaramente il nostro volto. Da non trascurare neanche la foto di sfondo su cui poggia la foto del nostro profilo che dovrà essere anch’essa professionale e in linea con il nostro lavoro.

LinkedIn dà l’opportunità di inserire anche l’url del nostro (eventuale) sito o blog, e di caricare contenuti quali video o presentazioni che mettano in luce le nostre esperienze.

Il Sommario, e cioè il titoletto che accompagna nome e cognome, è il nostro biglietto da visita, può essere creato ad hoc e/o essere anche accompagnato da una sorta di pay off a sottolineare ulteriormente – ma sempre in modo sintetico – la nostra mission professionale oppure ad indicare altre attività che rientrano tra le nostre competenze: ad es. “Creo ed eseguo corsi e strategie di marketing”; “In prima linea per promuovere l’innovazione tecnologica in Italia” oppure “Condivido ogni giorno contenuti di Marketing e Pubblicità.”

Altrettanto importante è il Riepilogo (Executive Summary), che deve valorizzare i nostri punti di forza, le nostre competenze ma anche, eventualmente, le nostre passioni. E’ importante essere sempre sintetici perché abbiamo solo pochi secondi per catturare l’attenzione dei nostri lettori, quindi è necessario allenarci a scriverlo e ri-scriverlo finché ci sembrerà perfetto!

Se siamo alla ricerca di un lavoro inoltre, sia nel Sommario che nel Riepilogo di LinkedIn (ma in generale anche nelle altre sezioni come per esempio i corsi di formazione) è importante utilizzare quei termini chiave che potrebbero essere utilizzati dai recruiter nelle ricerche di personale, ovviamente in linea con il nostro skill e/o con il lavoro per il quale vorremmo essere selezionati.

Il nostro profilo va compilato accuratamente, senza trascurare nessuna delle sezioni proposte da LinkedIn per avere un profilo che il social network riconoscerà come completo al 100% e al quale verrà dato un livello di efficacia che la dashboard metterà in evidenza.

La pubblicazione dei post LinkedIn

Avere un profilo LinkedIn ben fatto e, soprattutto, sempre aggiornato grazie alla realizzazione e condivisione di contenuti (i cosiddetti post) rappresenta un aspetto fondamentale della nostra reputazione personale e/o professionale. E’ un’attività che richiede grande impegno e una sistematicità per i quali, durante la nostra giornata, vanno ricavati spazi di studio e lettura – anche in rete – per essere sempre aggiornati e preparati su fatti di attualità, soprattutto se inerenti al nostro specifico ambito professionale.

Perché sia un’attività efficace, tuttavia, è necessaria una frequenza di pubblicazione dei post “quotidiana”, pubblicare 1 post/settimana è veramente il minimo sindacale! Naturalmente tutto ciò ha senso e significato se “abbiamo qualcosa da dire” alla nostra rete di contatti e/o, più genericamente, al mondo dei connessi alla piattaforma di LinkedIn. L’aspetto più importante, infatti, è rappresentato dalla qualità dei contenuti che andiamo a pubblicare: devono essere contenutidi valore” e cioè utili al nostro pubblico di riferimento sia se ci riferiamo a persone sia che, invece, rappresentiamo un’azienda, in questo ultimo caso il pubblico sarà rappresentato dal target Cliente.

Ma prima di definire quali siano i nostri “contenuti di valore”, vanno definiti due aspetti fondamentali: 1) il nostro obiettivo 2) il nostro pubblico.

Sei un neolaureato in cerca della prima occupazione? Sei un professionista che desidera reinventare la propria carriera? Sei un manager che vuole rafforzare la propria immagine? Sei una startup in cerca di investitori e di partner? Ti stai rivolgendo solo al mercato italiano o anche a realtà internazionali?

La risposta a queste domande determinerà la scelta dei contenuti, del vocabolario, del tono (il famoso “tone of voice” di cui abbiamo parlato in un precedente editoriale sempre su questo blog) e persino della lingua (italiano o inglese?) con cui, non solo realizzeremo i nostri post, ma costruiremo anche il nostro profilo.

Estendi la tua rete professionale

Le relazioni sono sempre state fondamentali per sviluppare la nostra carriera, LinkedIn è lo strumento ideale per mantenere contatti professionali e crearne di nuovi.

Prima di tutto, bisogna entrare in contatto con la nostra rete di conoscenze professionali: colleghi, ex colleghi, partner, clienti… e partire da qui per creare una rete sempre più estesa ma anche profilata. Allo scopo si può sfruttare, su LinkedIn, la funzionalità che consente di trovare gli ex studenti della nostra università.

Altra attività fondamentale per ampliare la nostra rete, è quella di trovare i Gruppi LinkedIn di nostro interesse e iscriverci per entrare in contatto con persone attive in ambiti affini ai nostri e richiedere il loro contatto se si ritiene che possano essere utili per il nostro percorso professionale.

Ma l’attività in assoluto più importante è quella di postare su LinkedIn contenuti di valore, che siano di interesse per la nostra categoria professionale e utili a mettere in luce le nostre conoscenze e la nostra passione per il lavoro. Per ampliare il nostro network professionale è necessario interagire attivamente condividendo post e gli articoli che riteniamo interessanti, oppure commentando quelli della nostra rete, mantenendo vivo il dialogo con i nostri contatti e mostrando  le nostre competenze.

Se si ha poca dimestichezza con gli strumenti social, un consiglio utile è quello di osservare le discussioni che avvengono sui Gruppi: dopo aver visto, per qualche tempo, le modalità di svolgimento della discussione all’interno di un Gruppo si potranno conoscere il tono e le modalità di interazione più adeguate al contesto e, quindi, ci si sentirà pronti per intervenire e portare un nostro contributo al dibattito.

Ma come fare per distinguerci su LinkedIn? Innanzitutto ricordiamoci di sfruttare tutte le opportunità messe a disposizione dal portale, impegniamoci con costanza e sistematicità a pubblicare post almeno tutte le settimane, diamo visibilità a contenuti utili alla rete, ma soprattutto siamo ricordiamoci di essere noi stessi, per presentare un’immagine sempre veritiera di chi siamo come professionisti e, perché no, anche come persone.

In bocca al lupo!

Alcuni link utili su LinkedIn

GUIDA PER POSTARE FOTO E IMMAGINI
https://www.linkedin.com/help/linkedin/answer/100983
GUIDA PER CARICARE VIDEO
https://www.linkedin.com/help/linkedin/answer/106595
GUIDA PER CARICA DOCUMENTI
https://www.linkedin.com/help/linkedin/answer/97791/carica-e-condividi-documenti-sulinkedin?lang=it