Cosa devono fare le piccole e medie imprese per innovare? 

Cosa devono fare le piccole e medie imprese per innovare? 

Probabilmente non esiste una ricetta di innovazione valida per tutte le aziende ognuno deve cercare la sua, se ne parla in questo interessante articolo su Agenda digitale  ma alcune considerazioni che ci sentiamo di condividere, in base alla nostra esperienza con la PMI, riguardano aspetti di fondo che impattano sulla difficoltà di crescita, a livello di innovazione, delle piccole imprese.

Innanzitutto l’aspetto economico, ulteriormente aggravato dalla pandemia in corso, perché il budget della piccola e media impresa, spesso, non consente di avere a disposizione delle risorse da investire “per innovare”, anche se, altrettanto spesso, gli imprenditori non sono informati sulle opportunità di investimento offerte dal loro territorio, capaci di agevolare l’innovazione.

Un altro importante aspetto riguarda la cultura dell’innovazione intesa innanzitutto come vision e capacità di renderla parte integrante della cultura aziendale. Significa lavorare sulle competenze digitali del proprio personale, sui processi ai quali applicarle, sulla capacità di utilizzare gli strumenti digitali.

Poi c’è la tecnologia dei dati: l’economia mondiale sta puntando sull’economia della conoscenza e se nella grande azienda questo passaggio è già avvenuto, lo stesso non può dirsi per la PMI; la tecnologia dei dati è necessario sia inglobata anche nella micro-imprenditorialità che va aiutata in questo da tutti gli attori dell’ecosistema: Istituzioni, protagonisti dell’innovazione e dell’informazione ma anche start up innovative e risorse esterne che possano diventare motore del cambiamento, evangelizzandolo in azienda e trasferendo delle best practice.

Per tornare alla domanda iniziale: cosa devono fare le aziende per innovare? Ci devono provare!

Dunque think smart! Follow-us 😉