Stili di comportamento e “Tone of voice”

Stili di comportamento e “Tone of voice”

I nostri comportamenti abituali variano a seconda del contesto, dello specifico momento e degli interlocutori con cui interagiamo ed esattamente nel momento esatto in cui interagiamo. Tuttavia ciascuno di noi protende verso un determinato stile relazionale o tende ad adottarlo in particolari circostanze esterne o interne.

Gli stili di comportamento, con i quali tendenzialmente ci esprimiamo, si possono identificare in:

  1. passivo
  2. aggressivo
  3. assertivo

Essi si manifestano anche nel tono della nostra voce che rappresenta uno degli elementi della comunicazione non verbale. Ma quando si parla di “tono di voce” (Tone of voice) nel digital marketing e nella comunicazione digitale si intende il “tono”, il “carattere” in un certo senso l’”impronta” che si vuole dare alla comunicazione di una marca, di un prodotto/servizio, di un’azienda.

Il tono di voce rappresenta – insieme agli elementi dell’identità visiva dell’azienda – un aspetto fondamentale per comunicare, oltre le informazioni e cioè i contenuti, anche la personalità del brand e il suo punto di vista unico. Ossia ciò che lo rende diverso da tutti gli altri business che offrono prodotti e servizi simili. Ecco perché il primo passo per trovare il tono di voce “giusto” è definire la personalità e i valori del brand. Non solo ma anche analizzare da dove è nata l’idea di business, la mission, in che modo si vogliono raggiungere gli obiettivi di business e in che cosa si è differenti dagli altri.

È nei social network che il Tone of voice assume un significato molto importante e ancor più profondo perché esprime il modo in cui un’azienda ‘parla’ ai clienti quando comunica con loro. Al Tone of voice è affidato il compito di riflettere la personalità del marchio, regolando la sua comunicazione, e il modo in cui le persone percepiscono il messaggio, il contenuto, i valori e la missione del brand.

Un fattore fondamentale, che nel lungo termine determina il seguito del pubblico sulla piattaforma social, la connessione che questi instaura con la marca, il clima che si crea tra le due parti. Ma, più di ogni altra cosa, un Tone of voice adeguato sui social network permette di creare nella mente del consumatore un’immagine ben definita e coerente nel tempo.

Definire un Tone of voice sul web e/o sui social network che sia davvero efficace non è certo cosa semplice. Bisogna innanzitutto conoscere tutte le sfaccettature di questa particolare componente del digital marketing per arrivare ad adottare il tono di voce che l’azienda reputa adeguato per la propria organizzazione modulandovi attorno tutta la comunicazione, in ogni contenuto, in ogni ambiente social in cui è presente la marca.

Come si fa a definire il Tone of voice in modo adeguato? Innanzitutto bisogna conoscere il proprio pubblico, capire i suoi comportamenti e cosa si aspetta dalla marca anche in ambito comunicativo.

E poiché la comunicazione efficace prende sempre in considerazione l’interlocutore, il tono di voce innanzitutto deve essere mediato dallo studio del target: bisogna quindi prosi domande quali a chi ci rivolgiamo, che tipo di linguaggio usano i nostri potenziali clienti, cosa è importante per loro. Osservare e ascoltare il nostro pubblico di riferimento aiuterà a capire quali sono i punti in comune, gli argomenti che ci avvicinano mondo del nostro target e, dunque, a trovare “le parole giuste” per evidenziare i punti di contatto.

È importante anche osservare la concorrenza, per avere idee ma anche per capire come differenziarci dagli altri, per poter essere riconosciuti e riconoscibili.

E’ importante analizzare anche i canali che il nostro target preferisce utilizzare nell’interazione con l’azienda.

Ogni social network, certamente, ha il suo pubblico, e per l’azienda è indispensabile conoscere su quale di questi investire per intercettare il consumatore ideale, per fidelizzare la clientela esistente, per fare un corretto engagement.

Sicuramente i canali social più frequentati: Linkedin, Facebook e Instagram hanno caratteristiche, veicolano contenuti – testuali e/o fotografici – attraverso modalità di comunicazione molto diverse. E se all’interno di ciascuno di essi esistono “toni di voce” diversi va sempre considerate una prima fondamentale differenza tra i 3 canali: Linkedin è in assoluto il social più serio e professional, Facebook si presta maggiormente per i profili personali e/o per contenuti più leggeri e una comunicazione più informale mentre Instagram è particolarmente adatto per una comunicazione essenziale e soprattutto visiva.

Le caratteristiche della piattaforma social alla quale decidiamo di rivolgerci, anche in considerazione del nostro target, contribuiscono a definire la comunicazione che vogliamo utilizzare e dunque il nostro “Tone of voice”.

Ricordiamoci infine che il tono di voce è anche relazione! Sì perché esso influenza il modo in cui percepiamo e interpretiamo i messaggi siano essi scritti oppure verbali. E, di conseguenza, influenza anche il modo in cui rispondiamo alla comunicazione.

Scegliere le “parole giuste” infatti non basta. Il Tone of voice è il risultato di una combinazione alchemica di ritmo, suono, immagini e significati.

Dunque quando decideremo di usare uno stile

  • SERIO – SPIRITOSO
  • FORMALE – INFORMALE
  • RISPETTOSO – IRRIVERENTE
  • ENTUSIASTICO – PRAGMATICO

ricordiamoci di farlo con consapevolezza, dopo aver studiato la nostra identità aziendale, il nostro prodotto e il suo posizionamento, il nostro pubblico di riferimento e il canale tramite il quale vogliamo comunicare.